curare i denti con l'alimentazione

I cibi che fanno bene al sorriso

Il nostro sorriso racconta qualcosa di noi e della nostra felicità ma anche di quella dei nostri denti. Ci hai mai pensato? E la nostra salute dentale è strettamente correlata al benessere del nostro organismo. Un circolo virtuoso spesso sottovalutato, eppure per una bocca felice e sana bastano semplici accorgimenti, e non necessariamente legati all’intervento del dentista, ma alle abitudini alimentari a tavola. Mangiare in modo scorretto può esporre la nostra bocca a patologie gengivali e parodontali di diversa gravità, oltre alle ben note carie. Insomma, spazzolino e dentifricio possono fare ben poco se non si fa attenzione a ciò che si mangia. Caramelle e snack dolci acerrimi nemici dei denti? Sì, ma lo zucchero contenuto in questi alimenti, incubo delle mamme e dei papà durante gli spuntini dei propri figli, è in ottima compagnia: anche i carboidrati contribuiscono alla produzione, per attacco della normale flora batterica, degli acidi che demineralizzano lo smalto dei denti generando quindi la carie.

Ma quali sono i cibi amici del nostro sorriso?

Cipolla: ha forti proprietà antibatteriche. Uccidendo i germi della bocca, disinfetta e riduce anche eventualmente il dolore ai denti, così come l’aglio. E, se non altro, dopo averla mangiata, abbiamo un motivo in più per lavarci i denti!

Sedano, carote crude e finocchi: grazie all’alto contenuto di fibre, aiutano a massaggiare le gengive e a mantenerle ben irrorate e sane. La frutta ricca di vitamina C (come i kiwi), aiuta e evitare disturbi gengivali (gengive infiammate e sanguinanti).

Fragole: contengono acido malico che agisce come astringente naturale per rimuovere la superficie “macchiata” dei denti.

Acqua: il fluoro contenuto ha un’azione protettiva sulla dentatura in quanto, insieme al calcio (contenuto nel latte, altro alimento importante per i nostri denti), forma una sostanza resistente che si deposita come una patina sulla superficie del dente difendendolo dagli attacchi esterni.

Carne bianca: così come pesce e legumi, è ricca di ferro e magnesio, utili per la salute di denti e gengive.

Arance, limoni e agrumi in generale: l’acido citrico in essi contenuto ha una azione smacchiante. Ma attenti a non esagerare, potrebbe rovinare lo smalto dei denti, quindi dopo un’arancia o una spremuta è bene aspettare 20 minuti prima di lavarsi i denti.

Chewing-gum con xilitolo: chi l’ha detto che fa male ai denti? Questo tipo di zucchero riduce la proliferazione dei batteri.

Dulcis in fundo, il cioccolato fondente (ebbene sì): il cacao amaro contiene degli antibatterici naturali (così come i mirtilli rossi) che impediscono allo Streptococcus mutans di produrre il glucano, una sostanza che aiuta i germi ad attaccarsi ai denti formando la placca e creando le condizioni perché gli zuccheri vengano trasformati in acidi corrodendo lo smalto.

La parola d’ordine quindi non è “eliminare” dalla nostra cucina, piuttosto impiegare con un certo criterio i vari ingredienti accompagnando queste accortezze a un’accurata igiene orale giornaliera.

Informazioni sull'autore

Giuseppe La Rosa

Nessun commento

Inserisci un commento